La Stagione – Prenota i tuoi biglietti

INFORMAZIONI UTILI

Prenotare i vostri posti a Teatro è semplicissimo: scegliete lo spettacolo e seguite le indicazioni per la prenotazione dei posti. Arriverà una conferma direttamente al Vostro indirizzo e-mail.

Per ritirare il biglietto prenotato in questo sito l'utente dovrà presentarsi alla biglietteria del Teatro entro 15 minuti dall'inizio dello spettacolo munito della stampa della presente mail.
Trascorso il tempo indicato il biglietto sarà reso disponibile.

Oltre alla prenotazione tramite il sito è possibile ritirare i biglietti in prevendita presso:

MUSIC SHOP, Via XX Aprile, 50 -  Nogara
Tel. 0442 88344

Venerdì 15 Febbraaio 2019, ore 21.00 Una semplice formalità

 

Per una serie di problemi organizzativi lo stage internazionale di Canto Lirico condotto da Sonia Corsini non ha potuto avere luogo e nemmeno il concerto che lei stessa avrebbe curato. Contiamo di riproporlo più avanti nella stagione.
Venerdì 25 Gennaio 2019, ore 21.00 Laboratorio Danza CADONO LACRIME DALLE NUVOLE Coreografie e regia di Claudia Rota “Quando tutte le nazioni del mondo si renderanno conto che sono in esilio, l’esilio cesserà di esistere. Quando le maggioranze si renderanno conto che anch’esse sono minoranze, la minoranza sarà una regola, non l’eccezione”. Uno spettacolo intenso ed emozionante di danza, musica e teatro per onorare la Memoria, l’arma che abbiamo contro l’indifferenza. La Memoria è l’unica bandiera per una reale integrazione. Ricordare  permette che tutte le lacrime cadute dal cielo trovino una loro voce, un fiume in cui posarsi, un mare a cui tornare ed incontrarsi di nuovo, senza andare inutilmente disperse.. “E ora, mostratevi degne del mare, voi lacrime”.
  Venerdì 15 Febbraaio 2019, ore 21.00 Compagnia Teatrale “il Chiostro” UNA SEMPLICE FORMALITA’ di Pascal Quignard con Marino Bellini, Eugenio Maria Bortolini Adattamento drammaturgico e regia di Eugenio Maria Bortolini Una notte di tempesta, una pioggia incessante... un colpo di pistola. Un uomo viene fermato nella tempesta e portato in una gendarmeria fatiscente. Un semplice interrogatorio di routine si trasforma via via in un’indagine più complessa e il legame tra il commissario e il “testimone” si fa sempre più stretto (immediato il raffronto letterario con “Delitto e Castigo” e i personaggi dostoevskiani di Petrovič e Raskol’nikov): sul filo delle suspense, tra rapidi capovolgimenti di prospettiva, sarà il pubblico a dover/poter intuire (o decidere) se lo scrittore sia colpevole o innocente (e di quale delitto). Uno spettacolo che inchioda lo spettatore e si conclude con un grande colpo di scena finale in una serata da brivido.